fbpx

La famiglia è una grande sfida personale

Non tutte le famiglie sono sinonimo di unione, amore e affetto.

La famiglia è una grande sfida personale, perché riunisce nello stesso ambiente persone diverse con personalità, gusti e idee distinte in contatto costante e diretto.

L’intimità dell’ambiente familiare fa sì che molti dimentichino l’importanza di rispettare i limiti e l’individualità di ognuno, il che rende molte relazioni familiari tossiche e difficili.

C ‘è un limite per ognuno e ogni situazione e non dobbiamo incolpare noi stessi quando l’unica soluzione è allontanarsi o mantenere una certa distanza dai parenti tossici.

Quando davanti a tentativi sani, le relazioni non scorrono la distanza è necessaria per mantenere l’equilibrio, sempre tenendo presente l’importanza del rispetto e della comprensione del tempo e della maturazione di ognuno.

Tuttavia, più che cercare necessariamente l’allontanamento fisico bisogna trovare la ricerca dell’equilibrio interno. Non è solo l’indipendenza esterna ad essere importante, l’indipendenza emotiva è fondamentale.

È importante conoscere i limiti di ognuno, togliere l’importanza di certi giudizi, evitare di cercare sempre l’approvazione altrui, valorizzare la propria individualità, non idealizzare persone perfette all’interno dei ′′ ruoli ′′ sociali.

Sviluppare atteggiamenti sani che collaborano per l’equilibrio familiare è importante e lavorare per creare strutture emotive per affrontarlo è fondamentale.

Non siamo la nostra famiglia. Non dobbiamo necessariamente assumerci i problemi degli altri o sperare di ricevere l’approvazione di tutti. Indipendentemente dai legami di sangue ogni essere è unico e merita il suo rispetto.

Cercare il modo migliore per raggiungere l’equilibrio davanti alla nostra struttura familiare è un grande passo verso una vita felice.

Alessandro Gruber

Share this:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Help me
No Category
Rosa Arena

La relazione d’aiuto

Rogers nel 1951 ha definito la relazione d’aiuto come una relazione in cui almeno uno dei due protagonisti ha lo scopo di promuovere nell’altro la

[ + ]

Contattami

Julia psicologa

Contattaci

Mondo olistico - equilibio e benessere