fbpx
crescita 3

Quanto va lontano il tuo impegno?

Nella fretta di ogni giorno,  mettiamo da parte le cose che ci piace fare, come leggere un libro, andare da un stetista, praticare uno sport, ma per la nostra crescita dobbiamo dare la priorità anche ad altre cose. Hai già valutato quanto della tua giornata dedichi a te stesso e agli altri? Al lavoro, ad esempio, svolgi il lavoro solo per l’imprenditore o ti concentri anche sul tuo apprendimento?

Trascorri la giornata guardando Netflix, esci con gli amici o passi anche un po ‘di tempo a studiare? O per valutare se sei più vicino o più lontano dai tuoi obiettivi?

Ci sono persone che affermano di essersi impegnate, ma guardano solo il giorno che passa. Altri vanno oltre, svegliano molto presto  per fare attività fisica, conoscere qualcosa di nuovo, creare il proprio business …

 Altri ancora … non hanno idea di cosa vorrebbero ottenere. Non si sentono capaci, né vedono possibilità che accada qualcosa di meglio. Ma tutto è come definisci la tua immagine di te e le tue priorità.

Un Netflix per 20 euro è economico. Ma un libro di 20 euro sembra costoso. Cosa ti porterà un maggiore apprendimento? Un nuovo vestito o taglio di capelli può aumentare la tua autostima. Ma che dire di un corso per lavorare sul tuo sviluppo personale? È molto costoso? Quale ti porterà un risultato migliore?

Riesci a vedere che le possibilità nella vita appaiono solo in base alle priorità che stabilisci, che tutto è una scelta?

L’impegno è di stipulare un contratto con te stesso. Proponi di raggiungere un obiettivo (un nuovo lavoro o un’attività, fare un viaggio da sogno, diventare madre, ecc.) e raggiungerlo.

Sta investendo nelle tue migliori capacità per avere una vita finanziaria migliore, avere più conforto, migliorare la tua autostima e, naturalmente, vivere con più scopi.

Cosa pensi di dover fare per trovarti? Dove pensi di doverti dedicare per il tuo impegno? Commenta qui per me.

Un grande abbraccio, Dani

Share this:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Help me
No Category
Rosa Arena

La relazione d’aiuto

Rogers nel 1951 ha definito la relazione d’aiuto come una relazione in cui almeno uno dei due protagonisti ha lo scopo di promuovere nell’altro la

[ + ]

Contattami

Julia psicologa

Contattaci

Mondo olistico - equilibio e benessere